Ue, Toia: anche grazie a noi i fondi del fondo di transizione arriveranno anche a Ilva e PMI

Ue, Toia: anche grazie a noi i fondi del fondo di transizione arriveranno anche a Ilva e PMI

“È con grande soddisfazione che accogliamo la proposta della Commissione europea, appena presentata a Strasburgo, sul Green New Deal e sul relativo Fondo di Transizione. L’esecutivo comunitario ha accolto pienamente la nostra richiesta di non limitare l’uso del Fondo di Transizione alle regioni carbonifere, principalmente in Polonia e Germania, ma di allargare i criteri di accesso alle aziende inquinanti come l’Ilva e alle Pmi. Così da garantire che la transazione verso la neutralità climatica del continente sia giusta per lavoratori, territori e regioni e non solo per alcuni di essi.

Oggi in un articolo pubblicato su La Stampa si riconosce che ‘la lobbying italiana sin qui esercitata a Bruxelles durante la fase preparatoria del maxi-piano per gli investimenti del Green Deal ha permesso di ottenere qualche risultato”. Bisogna dire però che, anche se questa è una vittoria del sistema-Italia nella usa interezza, il Green New Deal è competenza del primo vicepresidente della Commissione Frans Timmermans, il candidato dei Socialisti e Democratici, e quindi anche del Pd, alla presidenza della Commissione nelle elezioni europee di maggio.

Come il piano Juncker per gli investimenti nella passata legislatura, il nuovo Green New Deal è la conseguenza diretta del voto di milioni di elettori europei che scegliendo i partiti del Gruppo dei Socialisti e Democratici hanno chiesto più attenzione all’ambiente e alla crescita sostenibile”, così in una nota l’europarlamentare dem Patrizia Toia.