Ue/ Coronavirus, Moretti: Zaia fa propaganda sulla pelle dei bambini, noi ci occupiamo dei fondi per la ricerca scientifica

Ue/ Coronavirus, Moretti: Zaia fa propaganda sulla pelle dei bambini, noi ci occupiamo dei fondi per la ricerca scientifica

Zaia non si smentisce mai: le sue note posizioni “no vax” che lo avevano portato a fare ricorso alla Consulta contro l’obbligo vaccinale nelle scuole del ministro Lorenzin , proseguono in direzione ostinata e contraria alla scienza: basta stare sempre contro i medici. Adesso lascia fuori dalle classi i bambini a suo giudizio “sospetti” nonostante la comunità scientifica gli dia torto. C’è chi solleva paure ed insicurezze e chi, come noi, è sempre dalla parte della ricerca scientifica e dei medici: con atti concreti come i fondi europei che sono stati fondamentali anche per l’attività svolta nello Spallanzani di Roma. L’interrogazione che ho presentato al parlamento europeo insieme ai miei colleghi della delegazione PD chiede esattamente questo: risorse per la scienza, noi sempre da quella parte stiamo, anche quando in Veneto abbiamo presentato, a mia prima firma, la legge sull’obbligo vaccinale nelle scuole. La salute dei bambini non va mai lasciata nelle mani dei costruttori di fakenews di professione”, così in una nota l’europarlamentare del Pd Alessandra Moretti, che ha depositato in questi giorni un’interrogazione per individuare con urgenza nuovi fondi europei da destinare alla ricerca sul Coronavirus.