Ue/Libia, Cozzolino: avviare un’indagine sui crimini di guerra e le violazioni dei diritti umani

Ue/Libia, Cozzolino: avviare un’indagine sui crimini di guerra e le violazioni dei diritti umani

“Esprimo un profondo shock per la scoperta di fosse comuni nel territorio libico, recentemente liberato, sotto il comando di Khalifa Haftar e porgo sincere condoglianze alle famiglie delle vittime che uniscono le loro voci per chiedere al segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres l’istituzione di un’indagine indipendente sotto gli auspici delle Nazioni Unite.

Devono essere prese tutte le misure per garantire che esperti e investigatori abbiano accesso e raccolgano tutte le prove necessarie per i presunti crimini di guerra e violazioni dei diritti umani perpetrati in Libia dallo scoppio della guerra civile, come il rapimento e la sparizione forzata della nostra collega parlamentare Seham Sergiwa, da casa sua a Bengasi, un anno fa. È giunto il momento di avviare un dialogo politico costruttivo, di porre fine all’impunità e di sostenere la giustizia in Libia”, così l’eurodeputato del Partito democratico Andrea Cozzolino, presidente della delegazione con i paesi del Maghreb.