David Sassoli

Vicepresidente del Parlamento Europeo e membro BURO & TRAN

Vicepresidente del Parlamento Europeo e membro dell’Ufficio di presidenza del Parlamento europeo e della Commissione per i trasporti e il turismo – BURO & TRAN

Biografia

David Sassoli è nato a Firenze il 30 maggio del 1956. Ha iniziato a lavorare molto giovane come giornalista collaborando a piccoli giornali ed agenzie di stampa, per poi passare nella redazione romana del quotidiano Il Giorno, dove per sette anni si è distinto seguendo i principali avvenimenti politici e di cronaca. La sua carriera telegiornalistica inizia nel 1992 come inviato di cronaca del Tg3. Successivamente ha lavorato ad altri programmi di informazione su Rai Uno e Rai Due, per poi entrare, nel 1999, nella redazione del TG1, come inviato speciale. Nei successivi dieci anni il suo impegno si è concentrato nella conduzione delle principali edizioni del Telegiornale e sui grandi avvenimenti interni e internazionali. Nel 2007 è diventato vice direttore del TG1 e responsabile dei programmi di approfondimento “TV7″ e “Speciale TG1″.

Le vicende del suo Paese lo hanno sempre coinvolto. Fin da giovane si è impegnato in associazioni educative, come quella degli scout, in movimenti giovanili cattolici e ha sempre creduto che cattolici e laici potessero lavorare insieme.

Dopo tanti anni è nato il Partito Democratico, e naturalmente ha ritenuto il luogo adatto per il suo impegno politico.

Il 7 giugno del 2009 è stato eletto europarlamentare del Partito Democratico con oltre 400 mila preferenze. Nella legislatura 2009-2014 ha ricoperto l’incarico di capo delegazione del Pd.

Nel 2014 si ricandida alle Elezioni europee nella circoscrizione del Centro e ottiene oltre 200.000 preferenze (60.000 solo a Roma). Il 1 luglio dello stesso anno viene eletto Vicepresidente del Parlamento Europeo con 393 voti risultando il secondo più votato in quota PD-PSE con delega alla Politica del mediterraneo, al Bilancio e agli immobili.

Come membro della Commissione Trasporti e Turismo è relatore della riforma ferroviaria europea (IV Pacchetto Ferroviario) e del Cielo Unico europeo.

Socials