Gestione delle risorse naturali nei PVS

Gestione delle risorse naturali nei PVS

La risoluzione pone un focus specifico sui casi di deforestazione e degrado forestale, spesso connessi a violazioni dei diritti umani. Il testo richiede che vengano avviati studi ed un’assistenza tecnica e finanziaria migliorata per i paesi produttori per salvaguardare foreste ed ecosistemi.

In accordo con l’Agenda 2030, una corretta gestione delle risorse naturali è uno degli obbiettivi fondamentali che l’UE si è prospettata di seguire.

La risoluzione pone un focus specifico sui casi di deforestazione e degrado forestale, spesso connessi a violazioni dei diritti umani. Il testo richiede specificamente che vengano avviati studi ed un’assistenza tecnica e finanziaria migliorata per i paesi produttori con lo scopo specifico di salvaguardare, preservare e rigenerare foreste ed ecosistemi di vitale importanza, nonché migliorare i mezzi di sussistenza delle comunità che dipendono dalle foreste. Per combattere la deforestazione e la violazione dei diritti delle popolazioni indigene serve una più efficiente governance fondiaria e forestale ed il riconoscimento e tutela del diritto dei popoli indigeni alla proprietà consuetudinaria.

Il cambiamento climatico e la lotta allo stesso devono essere promossi attraverso pratiche corrette che garantiscano i diritti di proprietà fondiaria delle comunità forestali locali.

Il presente quadro normativo dovrebbe:

a) stabilire dei criteri obbligatori per prodotti sostenibili e a deforestazione zero;

b) imporre obblighi vincolanti relativi al dovere di diligenza sia agli operatori a monte che a quelli a valle nelle catene di fornitura delle merci che mettono a rischio le foreste;

c) applicare la tracciabilità delle merci e la trasparenza a tutta la catena di approvvigionamento;

d) ottemperare al diritto internazionale in materia di diritti umani, rispettare i diritti consuetudinari;