Procedura contro l’Ungheria

Procedura contro l′Ungheria

2015

La violazione dei diritti civili e delle libertà in Ungheria.

  • Voto S&D

  • Voto M5S

  • Voto LEGA

Per la prima volta dalla sua creazione il Parlamento ha deciso di elaborare una relazione sull’eventuale necessità di avviare una procedura a norma dell’articolo 7, paragrafo 1, TUE contro l’Ungheria.

In base a tale procedura, il Parlamento prende atto dell’evidente rischio di violazione grave del Paese dei valori sanciti all’articolo 2 TUE.

Malgrado ripetuti solleciti al governo ungherese, il Parlamento ha valutato che rimangono alcune preoccupazioni che hanno un impatto negativo sull’immagine dell’Unione, nonché sulla sua efficacia e credibilità nella difesa dei diritti fondamentali, dei diritti umani e della democrazia a livello mondiale, e rivelano la necessità di affrontarle mediante un’azione concertata dell’Unione.

Queste preoccupazioni si riferiscono alle seguenti questioni:

–      il funzionamento del sistema costituzionale e del sistema elettorale;

–      l’indipendenza della magistratura e di altre istituzioni e i diritti dei giudici;

–      la corruzione e i conflitti di interesse;

–      la tutela della vita privata e la protezione dei dati;

–      la libertà di espressione;

–      la libertà accademica;

–      la libertà di religione;

–      la libertà di associazione;

–      il diritto alla parità di trattamento;

–      i diritti delle persone appartenenti a minoranze, compresi i rom e gli ebrei, e la protezione dalle  dichiarazioni di odio contro tali minoranze;

–      i diritti fondamentali dei migranti, dei richiedenti asilo e dei rifugiati;

–      i diritti economici e sociali;