Protezione vittime di reato

Protezione vittime di reato

2018

I diritti delle vittime di reato negli stati membri.

  • Voto S&D

  • Voto M5S

  • Voto LEGA

La relazione mira a valutare l’attuazione della direttiva 2012/29 / UE che stabilisce norme minime in materia di diritti, assistenza e protezione delle vittime di reato negli Stati membri dell’UE. In particolare, si concentra sulla sua coerenza, rilevanza, efficacia ed efficienza. Il PE sollecita con questa relazione a recepire e attuare pienamente la direttiva e sottolinea che gli Stati Membri dovrebbero evitare eventuali lacune nell’attuazione della direttiva a causa di una diversa interpretazione a livello nazionale e delle differenze nel diritto penale nazionale che incide sulla protezione delle vittime.

Sono coperti vari aspetti dell’applicazione della direttiva: le misure di recepimento giuridico a livello degli Stati Membri (SM), l’attuazione pratica della direttiva sul campo, i vantaggi che ha fornito alle vittime e le sfide incontrate. La relazione fornisce infine una serie di raccomandazioni alla Commissione e agli Stati membri per promuovere ulteriormente l’attuazione della direttiva in futuro.

La direttiva in Italia è stata attuata nel dicembre 2015 apportando una serie di modifiche al Codice di Procedura Penale. La risoluzione esorta comunque tutti gli SM ad applicarla in tutte le sue parti

I principali risultati ottenuti sono:

  • comprendere e essere capiti durante il contatto con un’autorità (ad esempio linguaggio semplice);
  • ricevere informazioni dal primo contatto con un’autorità;
  • presentare un reclamo formale e ricevere una conferma scritta;
  • interpretazione e traduzione (almeno durante le interviste / domande alle vittime);
  • ricevere informazioni sui progressi del caso;
  • accedere ai servizi di assistenza alle vittime.