Ue, Morgano: da luglio un biglietto Interrail per i diciottenni europei

Ue, Morgano: da luglio un biglietto Interrail per i diciottenni europei

“È fatta! Da giugno i neo-diciottenni potranno iscriversi ed essere selezionati per uno dei pass Interrail finanziati dal bilancio europeo. E da luglio, i primi ragazzi potranno partire alla scoperta del nostro continente, della sua bellezza, di ciò che ci accomuna nella diversità delle culture e tradizioni europee: in varietate concordia, com’è il motto dell’Unione.”, ha dichiarato l’Onorevole Luigi Morgano, eurodeputato del Partito Democratico.

“Si è tenuta ieri una riunione operativa presso la Commissione europea per definire alcuni dettagli del progetto, in cui sono state accolte alcune richieste del Parlamento: ci saranno previsioni specifiche per facilitare l’accesso delle persone disabili, per i giovani che provengono dalle isole, e per garantire la dimensione formativa e culturale dell’esperienza. Unica nota per ora un po’ critica, il rischio che non sia garantita l’effettiva partecipazione dei giovani proveniente da famiglie meno abbienti. Un problema che ha anche Erasmus+, a dire il vero, e che speriamo possa essere risolto con il raddoppio della dotazione di bilancio per il periodo 2021-2027”, ha proseguito l’Onorevole Morgano.

“La proposta del pass gratuito per i diciottenni era stata avanzata e sostenuta dal gruppo S&D alcuni anni fa, attraverso un apposito progetto pilota in Commissione Trasporti, che allora il gruppo PPE non aveva accettato. Oggi devono essersi ricreduti, visto che il loro capogruppo ne è un entusiasta sostenitore. L’importante ora è coinvolgere il maggior numero di giovani europei”, ha concluso l’Onorevole Morgano.

  

Contesto

La Commissione europea ha tenuto ieri un incontro tra rappresentanti del Parlamento europeo, rappresentanti delle ferrovie europee e delle associazioni giovanili per spiegare come intende dare seguito a DiscoverEU, la proposta di regalare un pass Interrail gratuito a tutti i diciottenni europei, promossa dal Parlamento a fine 2016. Durante l’incontro, i partecipanti hanno anche potuto discutere dei dettagli del progetto, anche per risolvere alcune perplessità che permangono, in particolare sull’accessibilità al pass di tutti i giovani europei, inclusi disabili e famiglie meno abbienti.

Per l’esercizio 2018, è prevista una dotazione di circa 12 milioni di euro, che corrispondono a circa 15.000 biglietti. Nella proposta di bilancio pluriennale 2021-2027, saranno previsti invece circa 100 milioni l’anno per aumentare la platea di partecipanti. Le iscrizioni per ottenere uno dei passi apriranno a giugno, e si potrà viaggiare in 4 paesi europei per un periodo fino a 30 giorni, sia da soli che in gruppo. Sarà garantito un sostegno specifico per giovani disabili, i giovani provenienti dalle isole potranno includervi il biglietto aereo per raggiungere il continente, e sarà prevista la condivisione dell’esperienza per assicurare la valenza formativa del viaggio.

Maggiori informazioni saranno disponibili a breve qui: https://europa.eu/youth/eU_it